giovedì 20 settembre 2012

Zuppa d’orzo alla birra



In una giornata di pioggia una zuppa è la cena ideale. Quindi, con la pioggia di ieri a casa mia si è aperta ufficialmente la stagione delle zuppe. Per rendere meno traumatico il momento (ovviamente non parlo di me) ho proposto una delle zuppe che meno fanno storcere il naso alla mia dolce metà: la zuppa d’orzo alla birra. Questa zuppa ha un gusto molto caratteristico che possiamo definire quasi aroma, che a me piace molto, ma non essendo un sapore “tradizionale” potrebbe non essere particolarmente apprezzato.
 
Zuppa d’orzo alla birra

Ingredienti per 4 persone

  • 100 g di burro
  • 50 g di farina
  • Un litro di birra chiara
  • 200 ml di panna
  • Un pizzico di cannella
  • 100 g di orzo perlato "melandri gaudenzio srl"
  • Un litro di brodo anche di dado
  • Sale
  • Pepe

Cuocete l’orzo in un litro di brodo per un’ora o secondo il tempo riportato sulla confezione. scolatelo e tenetelo da parte.
Fate fondere il burro in una casseruola e stemperatevi la farina mescolando per non formare grumi, quindi diluite lentamente il composto con la birra, sempre rimestando. Quando l’avrete aggiunta tutta, insaporite con sale, pepe e cannella. Continuate la cottura a fiamma bassissima per 20 minuti, mescolando di tanto in tanto. Incorporate quindi l’orzo e cuocete tutto insieme ancora per 10 minuti. Togliete dal fuoco e unite la panna a temperatura ambiente, sempre mescolando, in modo da ottenere una crema densa. Distribuite la zuppa in quattro fondine di coccio e a piacere decorate con nuvolette di spuma di birra.
Le mie si sono sciolte mentre facevo le foto!

Attenzione: usate una birra chiara e “dolce” in quanto una birra dal gusto “forte” conferisce alla zuppa un gusto amarognolo che potrebbe risultare “sgradevole”.

 con questa ricetta per il mese di settembre partecipo al contest  di max 

giovedì 13 settembre 2012

Parmigiana grigliata



Questa parmigiana light NON l’ho fatta io! Il merito va tutto a mia sorella Palmy. Certo, il periodo per prepararla forse non è proprio quello giusto, infatti, a noi è stata servita a cena in una torrida sera d’estate (le foto sono originali), ma è talmente buona che la ricetta merita di essere diffusa, anche se le versioni della parmigiana grigliata sono tante, tutte più o meno simili e tutte una più buona dell’altra si tratta solo di aggiungerne una in più…….diciamo …..la mia preferita…….

Parmigiana grigliata


1 grossa melanzana
Due bei pomodori insalatari
Un’ottima mozzarella (circa 250 g)
olio
Sale
Basilico

Tagliate la melanzana a fettine sottili disponendole in un piatto, cospargete le fette con pochissimo sale, ungetele con un po’ di olio, profumatele con le foglie di basilico spezzettate e lasciatele insaporire. Fate lo stesso con i pomodori (pochissimo sale, olio e basilico). Tagliate a fette la mozzarella e lasciatela sgocciolare. Grigliate prima le fette di melanzane e poi le fette di pomodoro, in una pirofila fate uno strato di melanzane, uno di pomodori (aggiungendo un filo d’olio se necessario, ma non credo) ed uno strato di fette di mozzarella. Continuate sino a finire gli ingredienti e terminate con uno strato di pomodori. Condite con un filo d’olio e decorate con il basilico. ‘na delizia!

Ps: quelle la in fondo a sinistra sono foglie di salvia in pastella, uno sfizio! Palmì perché non apri un blog anche tu???


MA QUANTE MELANZANE IN QUESTO BLOG!!!

questa ricetta partecipa al contest

"...freddo...d'estate!!!!" di #Food140