martedì 31 dicembre 2013

Gnocchi alla romana




Volete sapere come ho valorizzato i miei gnocchi alla romana? Li ho ripieni! Con tanti funghi porcini e scaglie di provola affumicata, tanto per sentirmi dire che non sono sempre la solita……….

Per gli gnocchi
250 g di semolino
1 litro di latte
2 tuorli
50 g di burro
50 g di formaggio grattugiato
Sale

Per il ripieno
250 g di funghi porcini
Due cucchiai di olio extravergine d’oliva
Uno spicchio d’aglio
Prezzemolo tritato (facoltativo, io infatti non l’ho messo)
Una paio di fette di provola affumicata

Per condire
un cucchiaio abbondante di formaggio grattugiato
Un po’ di burro

Tritate i funghi e fateli trifolate in una padella con un paio di cucchiai di olio ed uno spicchio d’aglio. Unite mezzo dado e portate a cottura. Quindi lasciateli raffreddare completamente.

Portate ad ebollizione il latte, salate e versate a pioggia il semolino rimestando e lasciando cuocere sino a quando non si stacca dalle pareti della pentola. Lasciate intiepidire ed unite il burro, rimestate ancora sino a completo scioglimento unite quindi il formaggio grattugiato ed amalgamate bene. Unite infine uno alla volta i tuorli ed incorporateli bene. Qui è venuta in aiuto una mia cara amica la grande Malù che mi ha dato una bella dritta. Invece di spalmare il composto su un piano lavoratelo con le mani bagnate e ricavatene due “salsicciotti” di circa 5 cm di diametro lasciateli raffreddare in frigo per circa trenta minuti. Poi toglieteli dal frigo ed affettateli dello spessore di circa mezzo centimetro. Ponete al centro di ogni dischetto mezzo cucchiaino di funghi trifolati ed un pezzetto di provola affumicata, coprite con un altro dischetto sigillandoli bene con le mani e adagiateli sovrapponendoli leggermente in una pirofila in cui avrete messo qualche tocchetto di burro qua e la.
Spolverate con altro formaggio grattugiato e tocchetti di burro. Fate cuocere in forno caldo 200° per circa 20 minuti. Sfornateli lasciateli riposare 5 minuti a temperatura ambiente e servite

venerdì 6 dicembre 2013

Lasagne al pesto di zucchine




Per far mangiare i bambini bisogna pensarle proprio tutte, specie quando dimostrano una certa reticenza verso certi alimenti, mia figlia ad esempio ha dichiarato guerra alle zucchine, ma siccome adora le lasagne spesso le propongo le lasagne al pesto …….. di zucchine però! Lei “ingannata” dal prosciutto e dalla besciamella le mangia volentieri ed io sono soddisfatta perché ancora una volta sono riuscita a farle mangiare le verdure………

Lasagne al pesto di zucchine

Ingredienti per 2 persone
mezza confezione da 250 g di lasagne


pesto di zucchine
200 g di bucce di zucchine
100 g di mandorle
10 g di basilico
70 g di parmigiano
1 spicchio d’aglio piccolo
150 g di olio d’oliva extravergine
5 g di sale fino

Per la besciamella
50 g di burro
50 g di farina
Mezzo litro di latte
Sale

Ed inoltre:
100 g di prosciutto cotto
una mozzarella da 125 g
emmental q.b.

Sbucciate le zucchine e raccogliete nel boccale del frullatore le bucce e tutti gli altri ingredienti per fare il pesto, azionate il frullatore ed aggiungete a filo l’olio. Quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati da formare una crema più o meno fluida, il pesto è pronto.

Tagliate la mozzarella a dadini e tenete da parte.

Preparate la besciamella. Fate fondere il burro in una casseruola, aggiungete la farina a pioggia e fatela tostare per 2 minuti, poi, mescolando, incorporate poco per volta il latte caldo, regolate di sale e cuocete, mescolando continuamente, fate addensare leggermente lasciandola abbastanza liquida.

Distribuite un velo di besciamella ed un bella cucchiaiata di pesto in una pirofila, fate uno strato di lasagne, copritele con un paio di cucchiai di besciamella e distribuite un bel po’ di pesto, qualche dadino di mozzarella ed una bella spolverata di formaggio emmental grattugiato, coprite il tutto con una fetta intera di prosciutto cotto. Ripetete gli strati fino ad esaurire gli ingredienti.
Cuocete in forno già caldo a 200° per 20 minuti.
Sfornate, lasciate riposare 10 minuti e servite.

lunedì 14 ottobre 2013

Polpette con le verdure





I bimbi amano le polpette di carne ma non amano le verdure che le accompagnano, mia figlia in particolare, non ama le zucchine che io adoro. Così ogni volta devo inventare un nascondiglio per queste povere zucchine e modificare le ricette di cucina. Allora le ho mescolate con altre verdure poi con la carne ed il risultato è stato davvero soddisfacente, tante polpette morbide ricoperte da una deliziosa cremina.


Polpette con le verdure
  • 300 g di carne di vitello macinata
  • 50 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 1 uovo
  • Un po’ di pane raffermo circa 30 grammi
  • Un pizzico di sale
  • Una zucchina piccola circa 60 grammi
  • Una carota piccola circa 60 grammi
  • Una patata piccola circa 60 grammi
  • Olio
  • Farina
  • Un po’ di buccia di limone grattugiata

Tagliate la zucchina, la carota e la patata a dadini piccolissimi (circa 5 mm di lato) e tenetele da parte. In una padella antiaderente fate scaldare un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva e mezzo bicchiere d’acqua quindi, unite la dadolata di verdure salate leggermente e fate cuocere una decina di minuti a fuoco moderato mescolando ogni tanto, sino a quando l’acqua non si sarà asciugata e le verdure cotte ma croccanti (non devono disfarsi). Spegnete e lasciate raffreddare.
Nel frattempo in una ciotola mescolate la carne macinata, l’uovo, il formaggio ed il pane ammollato e poi strizzato ed infine il sale. Lavorate un po’ prima con una forchetta poi con le mani per amalgamare bene il tutto. Unite quindi le verdure e continuate a lavorare delicatamente con le mani.
Prendete un po’ di impasto più o meno della grandezza di una noce e modellatelo con le mani per dargli la forma della polpetta; sistemate man mano le polpette su un piatto, così fino alla fine dell’impasto.
Nella stessa padella dove avete cotto le verdure versate tre cucchiai di olio ed un bicchiere d’acqua e fate scaldare bene. Infarinate leggermente, una alla volta, le polpette e tuffatele nella padella. Fate cuocere per 15 minuti girandole un po’ a metà cottura.
A cottura ultimata cospargete le polpette con una spolverata di buccia di limone grattugiata.

lunedì 7 ottobre 2013

Spiedini di pollo "ripieni"


Il petto di pollo, questo “conosciuto”. I modi per preparare il petto di pollo ormai non si contano più eppure, l’ennesima ricetta lanciata nel web sono sicura incuriosirà ancora. La particolarità di questa preparazione è l’estrema semplicità inversamente proporzionale al gusto e soprattutto all’effetto di uno spiedino altrimenti quasi anonimo. Il “ripieno” gli da carattere, la “copertura” un’avvolgente morbidezza.

Ingredienti per 4 spiedini
  • 4 fette di petto di pollo
  • 20 olive nere (scegliete olive condite)
  • 5 fette di pancetta stesa (una fetta è sufficiente per avvolgere 3 tocchetti)
Snocciolate le olive e tenetele da parte. Battete con il batticarne le fette di petto di pollo e tagliatele a strisce di circa 3 cm di larghezza e 5-7 di lunghezza; considerate che deve avvolgere l’oliva e soprapporsi leggermente. Ponete un’oliva su ogni striscia ed arrotolatela su se stessa poi avvolgete tutto con la pancetta. Infilzate man mano i bocconcini su di uno spiedino di legno; cinque bocconcini per ogni spiedino è una buona porzione.
Mettete a scaldare una padella antiaderente e quando è ben calda posizionate gli spiedini e lasciate cuocere per circa 5-7 minuti girandoli da tutti i lati.
Tanta insalata fresca è l'accompagnamento ideale.

NOTA: NON aggiungete altro sale è sufficiente quello delle olive e della pancetta. Battete bene le fette di petto di pollo devono essere sottili altrimenti per bilanciare la cottura rischiate di bruciare la pancetta.