martedì 2 luglio 2013

Torta di rose





Nella vita entrano a far parte persone a cui diamo l’anima ed il cuore salvo poi, pagando un prezzo altissimo, pentircene amaramente. Altre volte invece, entrano persone che senza chiederti niente ti tendono la mano (a volte due) e ti sostengono come se ti conoscessero da sempre. Mi viene in mente un libro letto qualche vita fa “molte vite molti maestri”. Dove secondo la teoria della metempsicosi quando ci reincarniamo “incontriamo” persone “incontrate” nelle vite precedenti e quando entriamo in contatto con loro abbiamo la sensazione di conoscerle da sempre e troviamo inspiegabili certe affinità.
La familiarità e l’affetto con cui ti mettono nel piatto una fetta di gateau di patate e ti invitano a sederti e mangiare, anche se l’ora di pranzo è trascorsa da un pezzo. Ed ancora, torni da qualche posto con l’anima in subbuglio e come se ti amassero da sempre, ti porgono con premura un piatto di pasta lasciandoti libera di scegliere quando mangiarlo. L’anima si ricompone ed il cuore si scioglie.
E non avverti la necessità di menzionare luoghi e nomi o di dire altre parole tanto “loro” si riconosceranno sanno della tua gratitudine.
Impasto
500 g di farina
2 uova
200 ml di latte
80 g di zucchero
Aroma vaniglia
Un pizzico di sale
Una bustina di lievito di birra liofilizzato

Farcitura
250 g di burro a temperatura ambiente
250 g  di zucchero a velo

Togliete il burro dal frigo
Versate nella ciotola dello sbattitore la farina, il lievito e lo zucchero. Avviate la frusta ed unite uno alla volta le uova. Poi aggiungete sempre poco alla volta il latte ed infine l’aroma. Lavorate sino ad avere un impasto morbido e liscio.
Lasciate lievitare l’impasto coperto con un canovaccio per circa un’ora o comunque fino al raddoppio.
Nel frattempo preparate la crema di farcitura. In una ciotola capiente lavorate il burro con una forchetta per ammorbidirlo e aggiungete un po’ per volta lo zucchero a velo sino ad esaurimento. Continuate a lavorare sino ad ottenere una consistenza morbida e cremosa.
Prendete la pasta lievitata sgonfiatela, lavorandola un po’ con le mani, e stendetela con il mattarello in una sfoglia sottile di circa mezzo centimetro.
Spalmate uniformemente sulla sfoglia la crema di burro. Arrotolate su se stessa la sfoglia farcita e tagliate in tanti cilindretti che andrete a sistemare in un teglia tonda foderata di carta forno bagnata e strizzata.
Infornate in forno caldo a 180° per circa 30 minuti la superficie deve risultare dorata.
Trascorso il tempo di cottura sfornate e lasciate intiepidire.

3 commenti:

  1. Bello il tuo post ed ottima la torta.Un saluto.

    RispondiElimina
  2. ottima abbiamo l'acquolina in bocca......bacio palmy e francy

    RispondiElimina
  3. Questa è una torta che a casa mia va via come il pane!!!
    Bravissima Ele, ti è venuta benissimo!!!
    Un bacione e a presto
    Carmen

    RispondiElimina