venerdì 30 aprile 2010

Minestra d’orzo


Prima che arrivi il grande caldo e speriamo arrivi presto, cerco di consumare quegli alimenti che giacciono in dispensa e che giacerebbero sino all’autunno senza un tempestivo intervento, tra questi c’era l’orzo perlato, che amo molto, ma ogni cosa ha il suo tempo, dopo è una nota stonata. Come sempre ho chiesto consiglio ad Alice che come sempre mi ha trovato la soluzione. L’aria di sera è ancora fresca e certe minestre possiamo ancora concedercele grazie anche alla pentola a pressione che tutto (non esageriamo!) semplifica, metteteci una sera con mezz’ora “libera” una pioggia che cade noiosa ed esce fuori questa morbida zuppa che ancora ci può scaldare sulla tovaglietta scovata nel giardino della Minerva.

100 g di orzo perlato
30 g di burro
50 g di speck
Due cucchiai di olio
Una cipolla
Uno spicchio d’aglio
Una carota
3 patate medie
Un rametto di rosmarino
Un dado
Un cucchiaio di grana grattugiato
Sale
pepe

Sciacquate l’orzo con un getto d’acqua fresca. Pulite, sbucciate e tagliate a dadini piccoli tutte le verdure e lo speck. Tritate gli aghi di rosmarino. Nella pentola a pressione fate fondere olio e burro, unite lo speck e dopo pochi minuti tutte le verdure e gli aromi. Lasciate insaporire, mescolando di tanto in tanto, quindi aggiungete un litro e un quarto di acqua, il dado e l’orzo. Chiudete la pentola e all’inizio del sibilo, abbassate la fiamma e continuate la cottura per 30 minuti. Regolate di sale unite un’abbondante macinata di pepe e spolverizzate col grana.

12 commenti:

  1. adoro le minestre d'orzo!!!un bacione buon w.e.

    RispondiElimina
  2. Come sempre Alice ha ragione!

    RispondiElimina
  3. carissima io adoro l'orzo perlato, l'ho mangiato proprio ieri ad insalata! mi piace molto questa ricetta con lo speck e le patate.. la proverò volentieri... bellissimo lo strofinaccio che hai usato come sfondo! :-)

    RispondiElimina
  4. Speriamo che arrivi tardi il caldo e che almeno in questo periodo sia bello cosi con queste piacevoli temperature. Una minestrina cosi non si rifiuta mai, ciao e buon w.e.

    RispondiElimina
  5. ....complimenti foto bellissima trasmette calore colore....buonissima questa minestra adoro lo speck ke si sposa benissimo con le patate....bacioni

    RispondiElimina
  6. Una minestra che scalda il cuore.E poi con la pentola a pressione,che io adoro,è pronta in un attimo.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  7. Ecco brava insegnami a cucinare l'orzo che non l'ho fatto spesso!!!

    RispondiElimina
  8. Qui diluvia da tre giorni e fa un gran freddo...la tua minestra ci starebbe benissimo stasera....
    Le meraviglie pelose che si possono ammirare nel tuo blog distraggono moltissimo. Guardo le loro foto da mezz'ora. Ora, incredibile a dirsi io ho due gatte, una delle due è identica ad Alice. Mentre Martino è uguale al gatto di mia mamma......sono stupendi!
    E' stato un piacere passare a trovarti. La prossima volta proverò a concentrarmi di più sulle ricette ma sarà dura. Hai dei gatti troppo belli....

    RispondiElimina
  9. che buono l'orzo perlato....questa è una ricettina da provare...un bacio:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  10. ehehehehehh
    come sempre Alice si dimostra indispensabile in cucina!
    Inutile, senza di loro cosa saremmo noi?
    TZE!

    nasinasifelinissimi

    RispondiElimina
  11. Ciao!Ho visto che sei passata a trovarmi e così ho cuoriosato da te, complimenti per tutto e per i tuoi gatti ;)
    A presto, Zu

    RispondiElimina
  12. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina